Di C. Kavafis.

Senza riguardo, senza pietà, senza vergogna
mi drizzarono attorno grandi ed alte mura.

Adesso sono qui e mi dispero.
Non penso ad altro: questa sorte mi consuma,

così tante cose da fare fuori!
Drizzavano mura, e non ci feci caso.

Mai ho sentito un rumore di muratori o una voce.
Silenziosamente m’hanno murato fuori dal mondo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *