Se, come dice la tua ex, sei così “sfigghy” da essere single, un qualsiasi sceneggiatore americano degno di questo nome ti risponderà che è perché:

  • Non vai ogni mattina a fare la fila da Starbucks per una brodaglia fangosa che osano chiamare caffè
  • Non porti a spasso il tuo cane al parco o, se lo fai, hai un cane troppo educato
  • Non leggi un libro dalla copertina interessante in metro (chi vogliamo prendere in giro? O sei troppo borghese per la metro o la prendi insieme alle vecchiette)
  • Non hai una piccola pasticceria tutta arredata in tonalità confetto, o un negozio di fiori che sembra uscito dagli anni Cinquanta
  • Guardi dove vai quando cammini
  • Non fai volontariato alla mensa dei poveri/canile
  • Quando i tuoi amici ti trascinano controvoglia in discoteca resti fermo in un angolo, senza versare il tuo drink addosso a nessuno
  • Non sei Joseph Gordon-Levitt

D’altro canto, però, dovresti essere in una relazione, sempre secondo lo sceneggiatore di cui sopra, perché:

  • Conosci ogni romantic comedy uscita negli ultimi tre anni abbastanza bene da farci un articolo
  • Hai un debole per le ragazze con gli occhiali
  • Assomigli al protagonista di Ruby Sparks o a quello di Noi siamo infinito, ma solo nelle cose “carine” (niente psichiatri, insomma)
  • Sei un artista di qualche genere (sempre che cantare per strada con le cuffie facendo girare i vecchietti sia arte)
  • Oramai scrivi solo elenchi puntati, o quasi (tutti adorano gli elenchi puntati, sono sexy!)


Dal sito di Tassocrazia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *