vorrei dirti che ti amo, ma sarebbe strano,
appena ci conosciamo e hai tutta la vita davanti,
mentre io, a volte, non ho la forza di allacciarmi le scarpe.
vorrei fosse chiaro,
amor c’a nullo amato amar perdona(sse),
averti sorpresa a scrivere il mio nome sul libro
invece di preparare l’esame.

vorrei poter dormire, morisse la speranza,
fuggisse il pensiero che in realtà sai tutto
(e fingi di non vedere il mio sguardo e il sospiro)
vorrei scrivere tutto
senza paura di passare dal senhal all’ovvio,
perché purtroppo non sei stupida
(e se lo fossi non sarei qui)

vorrei una prosa decente ma non mi è dato
perché è presto per amarti, tardi per il raziocinio.
vorrei far a meno della passione scapigliata
(che in realtà è da ragazzina sul banco di scuola)

vorrei dirti che ti amo, ma sarebbe strano
e allora piuttosto ti dico così:
“grazie a te scrivo di nuovo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *